Categories
Azioni

Tesla perde il 5% in Borsa per “colpa” di Elon Musk: ecco cosa è accaduto

Le azioni di Tesla sono scese di oltre il 5% nel pre-market di lunedì dopo che il CEO Elon Musk ha chiesto ai suoi follower di Twitter se dovrebbe vendere il 10% delle sue azioni nella società di veicoli elettrici. Le azioni di Tesla hanno immediatamente risposto con un calo del 5,5% a 1.155 dollari, rispetto ai 1.222,09 dollari a cui hanno chiuso i mercati venerdì scorso.

Peraltro, si noti come la forte flessione delle quotazioni di Tesla sia arrivata dopo che Musk ha chiesto ai suoi 62,5 milioni di follower di Twitter di determinare il futuro di una parte delle sue partecipazioni in Tesla, senza che fosse necessario attendere molte ore per un simile tracollo.

Il miliardario ha dato alle persone l’opzione di votare “Sì” o “No” e si è impegnato a rispettare i risultati del sondaggio, qualunque fosse il risultato. Circa 3.519.252 persone hanno risposto, e il 57,9% di loro ha votato per “Sì”.

Dunque, è possibile che Musk possa vendere una quota rilevante di azioni Tesla. Già in precedenza l’imprenditore aveva annunciato l’intenzione di vendere “un enorme blocco” delle sue azioni nel quarto trimestre.

A settembre, Musk aveva detto alla Code Conference a Beverly Hills, in California, che la sua aliquota fiscale marginale sarà superiore al 50% quando scadranno le sue stock option di Tesla, e che stava già progettando di vendere. “Ho un mucchio di opzioni che stanno scadendo all’inizio del prossimo anno, quindi … un enorme blocco di opzioni venderà nel Q4 – perché devo o scadranno“, ha detto.

Altri attuali ed ex membri del consiglio di Tesla, tra cui Robyn Denholm, Kimbal Musk, Ira Ehrenpreis e Antonio Gracias hanno anche scaricato centinaia di milioni di dollari di azioni Tesla dal 28 ottobre, quando le azioni della società sono salite sul Nasdaq, sulla scia di una ottima trimestrale e dell’annuncio di un accordo con la società di noleggio auto Hertz, che ha annunciato che stava ordinando 100.000 veicoli Tesla per la sua flotta.

Musk ha aspettato una settimana dopo l’annuncio di Hertz per dire che Tesla in realtà non aveva ancora firmato un contratto con la società.

Indipendentemente dai risultati del sondaggio su Twitter, Musk avrebbe probabilmente iniziato a vendere milioni di azioni in questo trimestre perchésta affrontando un conto fiscale incombente di più di 15 miliardi di dollari. Le sue opzioni scadono nell’agosto 2022, ma per esercitarle, deve pagare l’imposta sul reddito sul guadagno.

Ora, poiché negli USA le opzioni sono tassate come un beneficio per i dipendenti o una compensazione, saranno tassate ai livelli di reddito ordinario superiore, o 37% più il 3,8% di imposta netta sugli investimenti. Dovrà anche pagare l’aliquota fiscale massima del 13,3% in California, dato che le opzioni sono state concesse e in gran parte guadagnate mentre era residente fiscale in quello Stato. Dunque, cumulativamente, l’aliquota fiscale statale e federale sarà del 54,1%. E così il conto totale delle tasse sulle sue opzioni, al prezzo attuale, sarebbe di 15 miliardi di dollari.

Musk, che è anche il CEO di SpaceX e della start-up di interfaccia cervello-computer Neuralink, non ha confermato la dimensione del conto fiscale.

Secondo il Bloomberg Billionaire Index, Musk è attualmente la persona più ricca del mondo, davanti al fondatore di Amazon Jeff Bezos e al magnate francese Bernard Arnault. L’indice afferma che il valore netto di Musk è di 338 miliardi di dollari.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *