Quando si vende un’azione?

Il termine ultimo per ottenere i propri guadagni dal trading è la vendita delle azioni. Supponendo che l’investitore abbia seguito correttamente le istruzioni, così facendo potrà finalmente monetizzare un bel guadagno. Tuttavia, l’investitore deve decidere quando vendere le azioni per massimizzare il suo profitto.

In altri termini, l’investitore vuole evitare di vendere un’azione troppo presto o troppo tardi, perché ciò non gli consentirà di massimizzare i guadagni. Per gli investitori a lungo termine che guardano ai fondamentali dell’azienda, ci sono solo pochi casi in cui dovrebbero vendere le loro azioni: il modello aziendale cambia, l’azienda diventa finanziariamente instabile o se il prezzo di mercato è superiore al prezzo equo. Cerchiamo di approfondirli.

Il cambiamento del modello aziendale

Il primo motivo per vendere le proprie azioni è il cambiamento del modello aziendale. Il modello aziendale è il modo in cui l’azienda opera: il cliente a cui si rivolge, il modo in cui guadagna, i prodotti che vende. Quando l’azienda cambia una parte significativa del suo modello di business, l’investitore deve valutare se l’azienda è ancora degna di investire, perché i cambiamenti potrebbero renderla meno redditizia.

Ad esempio, nel 2014 Amazon era un negozio online e basta. Tuttavia, nel 2017 e nel 2018 ha apportato modifiche significative al suo modello di business. L’azienda ha aggiunto molti nuovi servizi e segmenti di business: Kindle Direct Publishing, Amazon Web Services, Whole Foods e negozi intelligenti. Chiunque possedesse le azioni di Amazon prima di queste aggiunte e modifiche deve valutare se vale ancora la pena possedere l’azienda, perché i cambiamenti potrebbero renderla più debole.

Ad esempio, quando Amazon ha deciso di acquistare Whole Foods, alcuni investitori hanno temuto che Amazon avesse preso una decisione sbagliata investendo nei negozi fisici, perché molti ritengono che siano in via di estinzione. Considerando che Whole Foods rappresenta una parte significativa delle spese di Amazon, alcuni investitori potrebbero aver venduto le loro azioni. Pertanto, un investitore potrebbe voler vendere le proprie azioni se l’azienda apporta modifiche significative e negative al modello di business. 

Le tendenze del business

Quando decidono di vendere un’azione, gli investitori dovrebbero anche osservare le tendenze negative del business. Ciò significa che se un’azienda inizia a mostrare segni di fallimento, l’investitore dovrebbe vendere le sue azioni perché è probabile che il prezzo delle azioni scenda insieme all’azienda. Per individuare le tendenze sfavorevoli esistono diversi indicatori. 

Una delle tendenze più importanti da ricercare è la lenta morte di un settore. Il miglior esempio di azienda che sta vivendo una morte lenta è Barnes and Noble (BKS), uno dei principali operatori del settore. All’inizio degli anni 2000, le letture elettroniche hanno iniziato a diventare popolari tra i lettori di tutti i giorni. Di conseguenza, i lettori hanno letto meno letture fisiche, con conseguente diminuzione delle vendite per Barnes and Noble. Il declino del settore delle letture fisiche è andato di pari passo con il calo del prezzo delle azioni di Barnes and Noble. Il 1° aprile 2010, il prezzo delle azioni dell’azienda era di 14,46 dollari. In quel momento, alcuni investitori hanno capito che la lettura elettronica avrebbe preso il sopravvento e hanno venduto le loro azioni. Altri, invece, non hanno prestato attenzione all’andamento del macro-settore e hanno deciso di mantenere le loro azioni. A causa della loro scarsa consapevolezza delle tendenze del settore, hanno dovuto subire gravi perdite. Nell’aprile del 2019, il prezzo delle azioni era di circa 5,10 dollari; gli investitori negligenti hanno perso oltre il 60% del loro investimento perché non si sono resi conto che le letture elettroniche erano in trend. È quindi importante che gli investitori osservino le tendenze del settore. 

Gli investitori dovrebbero anche osservare le tendenze finanziarie per determinare quando vendere un’azienda. A differenza di quanto accade quando si acquista un’azione, gli investitori devono cercare un calo dei ricavi e degli utili nel conto economico come segnale per vendere l’azione. Gli investitori vogliono vendere le azioni se i profitti sono in calo, perché potrebbero segnalare il declino dell’azienda. Supponendo che un investitore abbia acquistato le azioni di una società mentre il reddito netto e i ricavi erano in crescita, è molto probabile che abbia ottenuto un sufficiente ritorno sull’investimento. Finché l’azienda continua a crescere, l’investitore non dovrebbe vendere le sue azioni, perché il loro valore aumenterebbe molto probabilmente. D’altra parte, se l’azienda inizia a vedere i suoi profitti diminuire, potrebbe essere il segnale che l’azienda inizierà a declinare. In tal caso, l’investitore dovrebbe vendere le proprie azioni perché, con il tempo, l’azienda diventerà meno preziosa. Il miglior esempio di una grande azienda che ha iniziato a fallire è General Electric (GE), un conglomerato. Nel 2016, General Electric ha realizzato un utile netto di circa sei miliardi di dollari. Anche se questa statistica potrebbe far sembrare l’azienda un buon investimento, la tendenza è stata al ribasso. Nel 2017 l’azienda ha perso otto miliardi di dollari e nel 2018 venti miliardi. Se un investitore si fosse accorto che i profitti dell’azienda erano in calo, avrebbe potuto evitare ingenti perdite; dal 2016 al 2018, il prezzo delle azioni è crollato di oltre il 65%. Pertanto, un investitore dovrebbe osservare le tendenze finanziarie per cercare i segnali di allarme quando decide di vendere un’azione. 

Prezzo superiore al fair value

L’ultimo motivo per cui un investitore dovrebbe vendere le proprie azioni è quando il prezzo di mercato di un titolo è superiore al suo fair value. Ricordiamo che il fair value di un’azione è pari al suo valore futuro diviso per quattro. Se un investitore possiede un’azione quando il prezzo di mercato è superiore al suo valore equo e continua a tenerla, non raggiungerà il suo obiettivo annuale di un guadagno medio del 15% perché il prezzo dell’azione è probabilmente sopravvalutato, il che ne causerebbe un calo. Inoltre, se l’investitore detiene il titolo quando è scambiato al di sopra del suo valore equo, avrebbe un grave costo opportunità perché potrebbe investire in titoli profondamente scontati anziché sopravvalutati; investendo in titoli scontati, avrebbe un maggiore guadagno a lungo termine. Pertanto, un investitore dovrebbe vendere le proprie azioni se il prezzo di mercato è superiore al valore equo.  Se non si verifica nessuna delle tre situazioni di vendita – l’azienda non è più stabile, il modello di business cambia in modo significativo, il prezzo di mercato supera il prezzo equo – l’investitore intelligente dovrebbe mantenere le sue azioni perché il titolo sarebbe scambiato al di sotto del suo valore intrinseco, supponendo che l’investimento non sia stato fatto in una società speculativa e che la ricerca sia stata completata a fondo dall’investitore intelligente. Quando un’azione viene scambiata al di sotto del suo valore intrinseco, viene scontata, consentendo agli investitori di ottenere un profitto quasi garantito. Pertanto, a meno che non si verifichi una di queste condizioni, l’investitore principiante non dovrebbe vendere le sue azioni, perché quasi certamente il loro valore aumenterà, dato che sono scambiate al di sotto del loro valore in

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *