Turchia: inflazione record a fine 2021, cosa farà la banca centrale?

L’inflazione annuale in Turchia è salita molto più del previsto al 36,08% nel mese di dicembre, il più alto valore dal settembre 2002, riflettendo il crollo del valore della lira alla fine dello scorso anno.

Mese su mese, invece, i prezzi al consumo sono aumentati del 13,58%, ha detto l’istituto statistico turco, rispetto a una previsione di Reuters del 9%. L’inflazione annuale prevista era del 30,6%.

L’indice dei prezzi alla produzione è aumentato del 19,08% mese per mese a dicembre, per un aumento annuale del 79,89%, i dati statistici hanno mostrato, riflettendo l’impennata dei prezzi delle importazioni a causa del crollo della valuta. È stato il più alto CPI annuale dal 37,0% del settembre 2002, prima che il partito AK del presidente Tayyip Erdogan andasse al potere nel novembre di quell’anno. Le previsioni di 13 economisti variavano tra il 26,4% e il 37,3%.

I prezzi al consumo sono stati trascinati più in alto dai prezzi dei trasporti, che sono saliti del 53,66% su base annua, mentre i prezzi di cibo e bevande, fortemente ponderati, sono balzati del 43,8%.

Questo riflette un circolo vizioso di inflazione spinta dalla domanda, che è molto pericoloso perché la banca centrale ha lasciato intendere che la pressione sui prezzi era dovuta a restrizioni dell’offerta, e che non poteva farci nulla“, ha detto Ozlem Derici Sengul, socio fondatore di Spinn Consulting, a Istanbul.

I tassi dovrebbero essere immediatamente e aggressivamente aumentati“, ha detto. “L’inflazione annuale raggiungerà probabilmente il 40-50% entro marzo”.

L’inflazione è rimasta intorno al 20% negli ultimi mesi, influenzata da una lira scivolata ai minimi storici dopo che la banca centrale ha tagliato il suo tasso politico di 500 punti base da settembre, sotto la pressione di Erdogan. La banca centrale ha detto che fattori temporanei stavano spingendo i prezzi più in alto e ha previsto che l’inflazione avrebbe seguito un corso volatile nel breve termine.

La lira ha toccato un minimo storico di 18,4 contro il dollaro a dicembre, prima di rimbalzare bruscamente la settimana prima dell’ultima dopo gli interventi sul mercato sostenuti dallo stato e dopo che Erdogan ha annunciato uno schema per proteggere i depositi in lire dalla volatilità della valuta.

L’inflazione è stata per lo più a due cifre e ben al di sopra dei mercati emergenti per la maggior parte degli ultimi cinque anni, mangiando i guadagni dei turchi e colpendo il sostegno pubblico per Erdogan. La previsione di inflazione di fine anno della banca centrale era del 18,4% in un rapporto pubblicato a fine ottobre.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *